Deblattizzazione

Le blatte (volgarmente conosciute come scarafaggi) rientrano nella categoria degli insetti striscianti in quanto, pur essendo dotate di ali, non le utilizzano per volare preferendo strisciare per cercare cibo e rifugio. Le blatte sono un serio problema per il settore alimentare e della ristorazione poiché possono creare potenziali rischi di contaminazione biologica e quindi si rendono necessarie quelle misure atte a rendere sicure le varie fasi di stoccaggio, preparazione e distribuzione degli alimenti come richiesto dalla normativa HACCP.

Le specie più diffuse sul nostro territorio sono:

Perché si generano le infestazioni da blatte?

La massiccia presenza di queste specie negli ambienti urbani è causata da diversi fattori:

  • Proficua capacità riproduttiva: le blatte, a seconda della specie, depongono molte uova durante il proprio ciclo vitale.
  •  Urbanizzazione: l’aumentare degli sprechi alimentari e l’errata gestione dei rifiuti favoriscono la proliferazione delle blatte.
  • Fattori di proliferazione: il calore, il cibo, i nascondigli e l’umidità sono tutti fattori che favoriscono il diffondersi delle blatte.

Perché fare la disinfestazione contro le blatte?

La presenza di blatte nelle aree abitate dall’uomo genera problemi di diversa natura:

  • Economici: le blatte possono infestare le derrate alimentari e scorte di cibo varie.
  • Sanitari: le blatte trasmettono degli agenti patogeni da cui possono diffondersi malattie come la salmonellosi, la poliomelite, la dissenteria, gastrointeriti ecc.
  • Danni d’immagine: le blatte generano danni reputazionali per le aziende e le attività di ristorazione che subiscono l’infestazione. In casi estremi la presenza di blatte genera anche la entomofobia.

Come capire se c’è un’infestazione in atto?

L’infestazione si nota dalla presenza di esemplari di blatte. Generalmente l’infestazione si rinviene in cucine, magazzini alimentari, in prossimità delle condotte fognarie, scantinati e intercapedini.

Come combattere l’infestazione?

L’intervento di deblattizzazione si sviluppa in tre fasi:

1 – Sopralluogo: utile a verificare la presenza di esemplari e identificare la specie infestante.

2 – Lotta all’infestante: Le più efficaci tipologie di lotta sono la deblattizzazione con insetticida e il monitoraggio preventivo con trappole a cattura.

La deblattizzazione con insetticida consiste nell’applicazione di insetticida. In base alla specie di blatta che caratterizza l’infestazione, si può optare per l’applicazione di un insetticida in gel o l’irrorazione di un insetticida liquido.

Il monitoraggio preventivo con trappole a cattura consiste invece nell’installazione di trappole collanti contenenti attrattivo alimentare, le quali vengono fissate all’interno di erogatori chiusi con chiavi di sicurezza.

La blatta richiamata dall’attrattivo, entra nell’erogatore e rimane incollata sulla trappola. Monitorando la presenza di esemplari catturati, sarà possibile rilevare eventuali infestazioni.

3 – Controllo dei risultati: Il trattamento di deblattizzazione termina con il posizionamento di un impianto di monitoraggio grazie al quale si potrà accertare il completo debellamento dell’infestazione.

Consigli utili pre e post intervento

  • Non stazionare nei luoghi di intervento durante il trattamento
  • Chiudere gli scarichi fognari di bagni e cucina durante il trattamento
  • Non utilizzare prodotti fai da te
  • Non rimuovere l’insetticida gel applicato.

Blatta Orientalis (detta Blatta Nera)

La Blatta Orientalis è di colore nero – marrone molto scuro ed è lunga circa dai 26 ai 32 mm. Il maschio ha le ali lunghe quasi quanto l’addome, mentre la femmina ha solo

degli abbozzi. In media questa blatta depone tra le 14 e le 18 uova per ooteca*, per un totale di circa 5 – 10 ooteche.

Si rinviene principalmente in: scarichi fognari, tombini, bagni tubature, scantinati.

Blatta Periplaneta Americana (detta Blatta Rossa)

La Periplaneta Americana è di colore rosso scuro ed è lunga circa dai 40 ai 50 mm. Le ali del maschio sono leggermente più lunghe di quelle delle femmine. In media questa blatta depone tra le 8 e le 20 uova per ooteca, per un totale di circa 30 – 40 ooteche.

Si rinviene principalmente in: scarichi fognari, tombini, bagni tubature, cucine industriali.

Blattella Germanica (detta Blattella Fuochista)

La Blattella Germanica è di colore marrone chiaro ed è lunga circa dai 10 ai 15 mm. Le femmine hanno dimensioni maggiori rispetto ai maschi. In media questa blatta depone tra le 30 e le 40 uova per ooteca, per un totale di circa 4 – 8 ooteche.  

Si rinviene principalmente in: cucine, mense, ristoranti, bar, magazzini.

Blatta Supella Longipalpa (detta Blatta dei mobili)

La Supella Longipalpa è di colore marrone con due bande trasversali chiare sul corpo ed è lunga circa dai 10 ai 12 mm. Il maschio ha le ali più lunghe dell’addome mentre la femmina ricorda la forma di una goccia. In media questa blatta depone tra le 14 e le 18 uova per ooteca, per un totale di circa 5 – 18 ooteche.

Si rinviene principalmente in: abitazioni, bar, magazzini, palestre e case di cura.

* L’ooteca, o ovoteca, è l’involucro in cui sono contenute le uova deposte da varie specie di insetti

Scarica la nostra scheda informativa

Disinfestazione Insetti Striscianti Roma